Torta aquafaba nocciolata e pepe rosa

Da parecchio tempo utilizzo l’aquafaba per i miei dolci: tutte le volte in cui mi capita di utilizzare ceci in scatola sto ben attenta a conservarne l’acqua di governo, riponendola in frigorifero ben coperta da pellicola trasparente.

So che i puristi storceranno il naso, perchè chi davvero ama i legumi dovrebbe sempre cucinarli da sè. Ma spesso i miei piatti di legumi nascono dalla necessità di preparare una cena rapida ed improvvisata, ed in questo caso ben vengano i legumi già cotti in scatola! Come sempre, l’importante è scegliere un prodotto di qualità.

Certo, si spenderà un pò di più. Ma la salute non ha prezzo, e poi….di una scatola di ceci si può utilizzare veramente tutto, come dimostra questa ricetta!

I segreti per ottenere un dolce perfetto con l’aquafaba sono sostanzialmente tre: primo utilizzarla fredda da frigorifero. Secondo non avere fretta: per montare l’aqafaba richiede il suo tempo quindi diventa fondamentale utilizzare un robot da cucina…oppure un aiutante forzuto che riesca a far andare le fruste elettriche per 15 minuti di fila!

Il terzo segreto è quello di inglobare lo zucchero non appena il composto inizierà a montare, aggiungendolo poco per volta. In questo modo la nuvola di aquafaba si stabilizzerà raggiungendo una consistenza cremosa.

Ho insaporito l’impasto con la deliziosa Nocciolata senza latte di Rigoni di Asiago, ho aggiunto abbondante pepe rosa – che ha regalato al dolce un retrogusto fresco e aromatico – e un tocco speciale con un cucchiaio di fondi di caffè. La consistenza finale della torta è piuttosto umida, il profumo è inebriante!

Pronto a provare? Enjoy ♥

img-responsive

La ricetta

  • Portata - Dolci
  • Preparazione - 20'
  • Cottura - 50'
  • Dimensioni stampo - Ø  22 cm

Ingredienti

150 gr – zucchero di canna
150 gr – aquafaba
100 gr – olio di riso bio
50 gr – acqua
100 gr – farina di kamut
90 gr – farina 1
80 gr – fecola di patate
20 gr – nocciolata senza latte Rigoni di Asiago
135 gr – latte di riso
10 gr – fondi di caffè
1 bustina – cremor tartaro
1 cucchiaino – bicarbonato

Preparazione

Per preparare la torta aquafaba nocciolata e pepe rosa versa l’aquafaba ben fredda nella planetaria ed inizia a montare con le fruste a velocità media. Dopo circa 5 minuti aumenta la velocità e lascia che il composto diventi spumoso – ci vorranno almeno altri 8 minuti.

Non appena la crema inizierà a solidificare aggiungi lo zucchero poco per volta, sempre continuando a montare.

In una ciotola unisci le farine, il bicarbonato e il cremor tartaro.

In un’altra ciotola mescola il latte con l’olio, la nocciolata, i fondi di caffè e l’acqua finchè tutte le parti saranno sciolte ed amalgamate.

Aggiungi gli ingredienti secchi ai liquidi poco per volta, mescolando con una forchetta. Il composto risulterà piuttosto denso. Aggiungi ora l’aquafaba mescolando delicatamente con una spatola dal basso verso l’alto per non far smontare il composto.

Versa tutto in uno stampo unto con staccante o foderato di carta forno.

Inforna in forno statico già caldo a 180° per 30′ e prosegui la cottura con 20′ di calore dal basso.

Lascia raffreddare completamente e sforma la torta.

Torta aquafaba nocciolata e pepe rosa Rigoni di Asiago

Torta aquafaba nocciolata e pepe rosa ricetta vegan

Torta aquafaba nocciolata e pepe rosa ricetta facile

Può esserti utile sapere che…

Se la superficie della torta, una volta sformata, dovesse sembrarti troppo umida adagia il dolce su una placca coperta con carta forno e completa la cottura con un ulteriore passaggio in forno ventilato a 180° per 10′.

La torta aquafaba nocciolata e pepe rosa si manterrà perfetta per almeno tre giorni avendo cura di conservarla in un luogo fresco e asciutto.

La torta aquafaba nocciolata e pepe rosa è una ricetta SENZA lattosio nè uova.

Per tutte le novità dalla mia cucina, per chiedermi consigli e suggerimenti o anche solo per salutarmi…segui la mia pagina FACEBOOK 

PAPILLAMONELLA

e il mio profilo INSTAGRAM @papillamonella

Ti aspetto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.