Muffin con cachi frullati e farina di sorgo

Chi non conosce il sorgo scagli il primo chicco!

Questo pseudo-cereale si ricava da una pianta erbacea che fa parte della famiglia delle Graminacee.

La pannocchia di sorgo contiene semi dai colori che variano dal bianco al rosso al marrone. Dalla loro macinatura si ottiene una farina che sta prendendo piede negli Stati Uniti e che è da sempre utilizzata in Africa e in parte dell’Asia

Il sorgo viene coltivato anche in Italia, sia pure in piccolissima parte rispetto alla produzione mondiale. Io l’ho scoperto grazie alla Azienda Agricola Cirenaica che proprio nel parco del Ticino lo coltiva. Soprattutto per alimentare gli animali del suo allevamento ma anche, in piccola parte, vendendolo a chicchi o trasformandolo in farine dal sapore delizioso e dalla consistenza tutta da provare.

La farina di sorgo è un ottimo alimento: naturalmente priva di glutine, è ricca di fibre e con un indice glicemico basso. Per questa ricetta ho optato per la tipo 2, poco raffinata e capace di regalare alle preparazioni un sapore particolare e gustoso, una consistenza morbida e leggermente spugnosa e una dolcezza tutta da scoprire.

L’ho utilizzata in purezza e ne ho ottenuto dei muffin perfetti per essere inzuppati nel tè ed altamente profumati.

Merito anche dei cachi frullati nell’impasto che mi hanno permesso, con la loro dolce delicatezza, di utilizzare una quantità di zucchero minima ottenendo comunque un prodotto a prova di goloso.

Se non dovessi trovare la farina di sorgo potrai tranquillamente sostituirla con una farina integrale mescolata magari ad una farina di farro ma io ti consiglio di provare questo pseudo cereale perché, ti assicuro, il suo sapore merita di essere gustato a tutto tondo! Enjoy ♥

img-responsive

La ricetta

  • Portata - Dolci
  • Preparazione - 10'
  • Cottura - 25'
  • Porzioni - 9 muffin circa

Ingredienti

350 gr – polpa di cachi
110 gr – zucchero di canna frullato a velo
3 – uova
100 gr – olio di girasole
200 gr – farina di sorgo tipo 2 Az. Agricola Cirenaica
7 gr – cremor tartaro
1 cucchiaino – bicarbonato
½ limone bio – solo buccia

Preparazione

Per preparare i muffin con cachi frullati e farina di sorgo frulla lo lo zucchero integrale di canna  ottenendo una consistenza simile a quella dello zucchero a velo.

Elimina la buccia dei cachi e frullali ottenendo una crema vellutata, versala in una ciotola capiente e unisci lo zucchero, le uova l’olio di girasole.

Mescola poi unisci a pioggia la farina, il bicarbonato e il cremor tartaro sempre mescolando per evitare la formazione di grumi.

Unisci anche la buccia di limone grattugiata, mescola un’ultima volta e suddividi il composto in pirottini da muffin o in stampini da muffin in silicone.

Inforna in forno statico già caldo a 180° per 22 minuti poi termina con 3 minuti di calore dal basso.

Lascia raffreddare e cospargi con poco zucchero a velo.

Muffin con cachi frullati e farina di sorgo senza burro

Muffin con cachi frullati e farina di sorgo senza burro ricetta facile

Può esserti utile sapere che…

Se non consumerai subito i muffin con cachi frullati e farina di sorgo conservali in un luogo asciutto ed areato, si conserveranno perfettamente per almeno 3 giorni.

Nel caso non trovassi la farina di sorgo – facilmente reperibile online o in tutti i negozi bio ben forniti – potrai sostituirla con farina integrale in purezza od unita a farina di farro. A seconda delle farine che utilizzerai potresti notare che, mescolando, il composto diventi troppo denso: allungalo eventualmente con poco latte vegetale fino ad ottenere una consistenza morbida.

Questi muffin saranno ottimi per la prima colazione, da tuffare in una tazza di tè fumante. Potresti però decidere di servirli a fine pasto, come dolce originale e goloso. In questo caso ti suggerisco di affiancarli ad una crema morbida, anche una semplice ricotta lavorata con miele sarà perfetta!

Per tutte le novità dalla mia cucina, per chiedermi consigli e suggerimenti

o anche solo per salutarmi…segui la mia pagina FACEBOOK  PAPILLAMONELLA

e il mio profilo INSTAGRAM @papillamonella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *